Tag : ghiaccio

post image

Cosa fare quando la caldaia e il riscaldamento vanno in tilt per il gelo?

È capitato a tutti di ritrovarsi al freddo in una gelida mattina d’inverno, con il riscaldamento inutilizzabile e senza nessuna possibilità di riscaldarsi con una doccia bollente. Solitamente, questo succede quando il sistema di riscaldamento si è ghiacciato e non riesce più ad accendersi: è andato in blocco automatico, onde evitare ulteriori danni, oppure non sussistono proprio le condizioni ideali per un corretto funzionamento.

A questo proposito, è utile considerare che tutto il sistema di riscaldamento è collegato alla caldaia, che attiva la modalità blocco automatico quando rileva un errore o un problema di funzionamento.  Quindi, sarà necessario capire innanzitutto di cosa si tratta e, pertanto, se la causa è davvero il gelo. Tuttavia, sappiate che le caldaie di ultima generazione sono in grado di accendersi automaticamente se la temperatura esterna è al di sotto dei 3° C, per evitare così che il sistema si congeli. Pertanto, se avete spesso dei problemi di questo tipo e siete certi che la vostra caldaia va in tilt per il gelo, potreste anche pensare di sostituirla e ridurre così al minimo l’insorgere di queste situazioni.

Come possiamo aggiustare l’impianto di riscaldamento in blocco per il gelo?

Il problema più comune quando le temperature sono al di sotto dello zero è che l’acqua all’interno dei tubi si congeli, aumentando così di volume e causando la conseguente rottura dell’impianto o comunque un blocco del sistema. Se ci si attiva prontamente (non appena si verifica il blocco), è possibile salvare le tubature dalla rottura: esse necessitano soltanto di essere riscaldate, per evitare che la formazione di ghiaccio comporti ulteriori danni.

In generale, i tubi che tendono a ghiacciarsi sono quelli esterni o in prossimità della caldaia. È possibile usare delle lampade o un phon per cercare di riscaldare la superficie. Provate per qualche minuto e aspettate che il sistema si riattivi. Dopo aver riscaldato le tubature esterne, accertatevi che non vi siano perdite di acqua prima di accendere di nuovo la caldaia. Nel caso in cui il sistema non riparta dopo il riscaldamento delle tubature, bisognerà contattare un tecnico specializzato, poiché potrebbe essere necessario sostituire qualche componente deteriorato dal gelo e/o dall’usura. Dopo aver risolto il problema della caldaia, verificate che anche il contatore esterno non sia gelato, al fine di non causare un ulteriore guasto.

Come evitare che l’impianto di riscaldamento vada in blocco per il gelo?

Per evitare che l’impianto di riscaldamento si blocchi a causa del ghiaccio, è opportuno avvalersi di una caldaia di qualità. Inoltre, è possibile isolare i tubi e proteggere la caldaia prima dell’arrivo della stagione invernale:

  • Per isolare l’impianto di riscaldamento, è necessario applicare del nastro isolante riscaldante sui tubi esterni o su quelli che si trovano in locali freddi e umidi come cantine o garage.
  • In alternativa al nastro riscaldante, si possono isolare i tubi con dei cavi scaldanti autoregolanti, che bilanciano automaticamente le temperature evitando il congelamento.

Infine, è importante versare l’apposito liquido antigelo nei tubi dell’impianto o svuotarli completamente quando non si utilizza la caldaia per lunghi periodi di tempo.