Scaldabagno a gas o scaldabagno elettrico?

Molti nostri clienti ci fanno questa domanda: è meglio uno scaldabagno a gas o uno scaldabagno elettrico? Quando si presenta l’esigenza di installare un impianto di riscaldamento d’acqua autonomo o di sostituire quello già in proprio possesso, porsi i quesiti giusti è importante, sia in termini di risparmio energetico che per quanto riguarda il rispetto per l’ambiente e per il proprio portafoglio. Perciò, andiamo ad analizzare la situazione!

Lo scaldabagno a gas è il più economico, ma quelli elettrici sono migliorati

Di certo è chiaro a tutti che, quando si tratta di acqua calda sanitaria, lo scaldabagno a gas è meno dispendioso rispetto a quello elettrico. Quest’ultimo, infatti, anche se è stato il preferito fino a qualche tempo fa, può comportare l’arrivo di bollette a dir poco elevate, soprattutto quando viene installato nelle case delle famiglie più numerose.

Naturalmente, ad oggi sono disponibili modelli più innovativi, che funzionano in maniera simile allo scaldabagno a gas e che si rivelano molto più efficienti dei precedenti. Perciò, se vorrete optare per questo tipo di soluzione, vi suggeriamo di prediligere uno scaldabagno elettrico istantaneo. Ad ogni modo, non dimenticate che – generalmente, per chi sceglie questo tipo di apparecchi – il 40% del totale delle spese in bolletta è dovuto ai consumi dello scaldabagno elettrico.

Perché quello a gas è ancora il migliore?

Grazie ai continui progressi, anche i sistemi a gas più attuali sono notevolmente migliorati rispetto ai primi modelli. Pertanto, garantiscono importanti livelli di risparmio energetico e favoriscono una maggior tutela dell’ambiente. Tutto dipende dal funzionamento. Infatti, all’interno degli apparecchi non sono presenti serpentine riscaldanti come nel caso di quelli elettrici, ma ci sono degli ugelli attraverso i quali arriva il gas metano o GPL, che si occupa di alimentare la fiamma.

Inoltre, è importante considerare che, rispetto ai modelli più “datati”, i nuovi scaldabagni a gas non rimangono accesi tramite la fiamma pilota. Quest’ultima non è più presente: il sistema si attiva in automatico non appena viene aperto il rubinetto. Riscalda l’acqua senza la necessità di un riscaldamento preventivo e, una volta chiuso il rubinetto, il sistema si spegne, permettendo di non sprecare inutilmente il combustibile.

Nello specifico, parliamo di una soluzione che consente di:

  • Ridurre le emissioni di gas serra nell’atmosfera
  • Avvalersi dell’acqua calda sanitaria “a richiesta”, in ogni momento e con pochissima attesa.
  • Contare su notevoli livelli di sicurezza.
  • Risparmiare in media 200 – 300 euro l’anno sulle spese relative alle utenze domestiche.

Le altre soluzioni da non sottovalutare

In poche parole, lo scaldabagno a gas rimane il migliore, nonostante le evoluzioni di quelli elettrici. Nel nostro sito, potrete trovare un’ampia gamma di prodotti di alta qualità, accompagnati da una garanzia di 10 anni. Si tratta di modelli in grado di offrire un elevato comfort sanitario e sono caratterizzati non solo da ottimi livelli di efficienza energetica, ma anche da design moderni e compatti, idonei per ogni tipo di ambiente. Ad ogni modo, è utile che sappiate quali sono le altre opzioni.

Al posto di uno scaldabagno a gas o dello scaldabagno elettrico istantaneo, potrete contare su soluzioni altamente ecologiche e perfette per promuovere un costante risparmio energetico: i sistemi solari, fotovoltaici e geotermici, oppure gli scaldacqua a pompa di calore. Potrete trovare anche questi prodotti sul nostro sito… e non esitate a chiederci maggiori informazioni!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *