Etichetta del condizionatore: cosa c’è scritto?

Per scegliere il giusto condizionatore, è importante conoscere le caratteristiche dei migliori apparecchi e, cosa cercare sulle etichette dei prodotti presenti in commercio.

Le case produttrici sono tenute a presentare in modo corretto le principali caratteristiche dell’apparecchio.

L’etichetta è obbligatoria per i dispositivi aria-aria, ovvero quelli progettati per riscaldare e rinfrescare gli ambienti tramite l’alimentazione elettrica, mentre non lo è per quelli che funzionano mediante fluidi termovettori (utili per trasferire l’energia termica). Ma quali sono le caratteristiche di queste particolari “presentazioni”?

Le due tipologie di etichetta e i principali dati in esse contenute

Abbiamo quindi a che fare con due tipi di etichette: una per i condizionatori monoblocco e una per quelli con split fisso (con pompa di calore o senza). Nella parte superiore delle etichette degli apparecchi, troviamo il logo dell’Unione Europea, il nome del produttore, il modello e l’icona di una ventola, che indica se il condizionatore è dotato di modalità solo raffreddamento o se offre raffreddamento e riscaldamento insieme.

Per il condizionatore a pompa di calore, avrete un’Etichetta Energetica suddivisa in due parti: nella colonna di sinistra saranno indicate tutte le informazioni relative alla modalità di raffreddamento, mentre in quella di destra verranno elencate le informazioni relative alle prestazioni della funzione di riscaldamento. Queste informazioni vengono esposte tramite codici e icone. Ecco un elenco dei principali codici/sigle e i relativi significati:

  • SCOP – Questa sigla, reperibile nella colonna destra dell’etichetta del condizionatore, è seguita da un’icona raffigurante una ventola rossa e indica il coefficiente di prestazione stagionale.
  • SEER – Questa scritta, seguita da un’icona raffigurante una ventola azzurra, equivale all’indice di Efficienza Energetica Stagionale.
  • KWh – Questa sigla è reperibile sulla sinistra dell’etichetta e indica il consumo di energia annuale.
  • EER – La scritta EER indica invece la potenza nominale per il raffreddamento, espressa in kW.

Le classi di efficienza energetica indicati sull’etichetta del condizionatore

È importante tenere presente le classi di efficienza energetica che, nel caso dei climatizzatori e condizionatori, vanno da A+++ fino alla F. Persino in questa eventualità, le classi A sono le più efficienti e consumano meno energia all’anno. Pertanto, sono quelle da prediligere, persino quando si tratta di acquistare un apparecchio per il raffrescamento e/o il riscaldamento degli ambienti domestici e non.

Sull’etichetta energetica dei condizionatori monoblocco, troverete non solo la classe energetica, ma anche i dati di consumo espressi in kilowatt e quelli relativi alla capacità nominale e al consumo energetico orario. In questo modo, potrete regolarvi ancora meglio e farvi un’idea di quello che potrete consumare in termini di energia elettrica. Potrete chiaramente fare delle valide comparazioni tra più apparecchi, fino ad arrivare alla scelta definitiva. Sul nostro store potrete trovare tantissimi prodotti di qualità, sia per contesti residenziali che commerciali, e nel caso desideraste una mano per comprendere a fondo l’etichetta del condizionatore, non esitate a contattarci!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *